Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 17564 del 13 Novembre 2007 delle ore 09:00

Savona, aumentano i costi della politica: triplicati in tre anni

[thumb:366:r]Savona. Aumentano i costi della politica savonese: in tre anni le spese istituzionali per le sedute del consiglio comunale e delle commissioni consiliari a Palazzo Sisto sono triplicate. I dati che l’assessore alle finanze Luca Martino porterà in giunta con l’assestamento di bilancio parlano chiaro, indicando nell’incidenza dei gettoni di presenza un peso che via via negli anni si fa sempre più imbarazzante.
I gettoni di presenza per il consiglio comunale nel 2004 ammontavano a 32 mila euro. Nel 2007 sono schizzati a 103 mila. Balzo in alto anche per i costi delle commissioni consiliari: dai 67 mila euro nel 2004 agli oltre 164 mila di quest’anno. Stabili intorno ai 3 mila euro le spese per le missioni dei consiglieri comunali, in diminuzione quelle per le trasferte degli assessori, da 11 a 8 mila euro. Se da una parte uffici e assessorati hanno rispettato i limiti della capacità di spesa, dimostrando di non sforare le previsioni e dando un’immagine di sobrietà e risparmio, dall’altra i costi delle sedute consiliari appaiono fuori controllo.
In sede di preventivo 2007 l’amministrazione Berruti aveva messo a bilancio 200 mila euro nella consapevolezza che in sede di equilibri e assestamenti si sarebbe dovuto aggiungere qualcosa; nessuno però si aspettava di passare da 200 mila a 354 mila euro.
Il problema risiede principalmente nell’aumento delle convocazioni del consiglio comunale e delle commissioni. Se non è pensabile diminuire il numero delle convocazioni, è però possibile – come ha già proposto qualcuno – sganciare l’ammontare delle indennità dal numero di sedute convocate, trasformare il gettone in una indennità di carica forfettaria, indipendente dal numero di sedute alle quali il consigliere partecipa. Ma le ipotesi sono ancora lontane dall’essere concretizzate.
Mentre si studiano soluzioni per abbatere i costi esorbitanti di quella che viene vista come una “casta” anche nelle realtà savonese, Palazzo Sisto ha riepilogato le indennità degli amministratori: 4 mila 734 euro per il sindaco, 3 mila 550 per il vicesindaco, 2 mila 840 per gli assessori in aspettativa da altra attività, 1420 euro per quelli non in aspettativa, 2 mila 840 euro per il presidente del consiglio comunale, 1704 euro per i presidenti di Circoscrizione.


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli