Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 17822 del 19 Novembre 2007 delle ore 15:21

Albenga, furto in villa a Bastia: rubati auto e 1.500 euro

[thumb:2259:r]Albenga. Furto notturno a Bastia, frazione di Albenga: ignoti sono entrati all’interno di una villa in via Crociata dove hanno sottratto circa 1.500 euro in contanti e le chiavi di un’Audi Q7, parcheggiata nel cortile, con la quale si sono poi dati alla fuga. L’abitazione finita nel mirino dei malviventi è quella di una nota famiglia di agricoltori albenganesi, titolari dell’azienda BioVio di Bastia, leader delle produzioni orticole biologiche e tra i più importanti produttori di vino della provincia.
E’ stato il proprietario della casa, il cinquantenne Giobatta Vio, ad accorgersi dell’incursione ladresca, senza però fare in tempo a vedere gli autori del colpo. Intorno alle tre di notte si è insospettito per alcuni rumori; dapprima ha lasciato correre pensando si trattasse di una porta sbattuta dal vento, poi però, quasi avvertendo una sorta di fracasso, è sceso dal letto: il tempo di raggiungere il soggiorno e i ladri erano già spariti. Subito evidente, però, il loro intrufolamento: la porta d’ingresso era forzata.
Al momento del furto Vio stava dormendo accanto alla moglie Chiara. Nelle camere al piano superiore le tre figlie, che non si sarebbero accorte di nulla.
Dalla villa erano scomparsi 1.500 euro in contanti, alcuni assegni e l’Audi parcheggiata sotto casa. L’auto, dotata di antifurto satellitare, è stata poi abbandonata dai malviventi e ritrovata a Sampierdarena, nei pressi del porto, forse destinata ad essere imbarcata per qualche Paese straniero se il recupero da parte dei proprietari non fosse stato tempestivo.
Nell’abitazione della famiglia Vio sono arrivati i carabinieri della Compagnia di Albenga, che hanno avviato le indagini del caso. I militari hanno effettuato i rilievi a caccia di qualche traccia che permetta di identificare i malviventi, parrebbe (stando alla prima ipotesi) appartenenti alla malavita albanese.
Secondo le prime ricostruzioni l’antifurto dell’abitazione non era attivo e i ladri non avrebbero avuto troppe difficoltà a forzare l’ingresso. Una volta raggiunto il soggiorno avrebbero prelevato il denaro e le chiavi della macchina, poi sarebbero usciti senza avventurarsi al piano superiore. Mentre si cerca di dare un volto ai malfattori, resta anche da capire se si tratti di una banda dedita al traffico di auto rubate o se invece l’Audi rubata sia servita solo per la fuga e sia stata poi abbandonata per la presenza del navigatore satellitare, capace di localizzare facilmente la posizione dei fuggitivi.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli