Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 18063 del 26 novembre 2007 delle ore 15:11

Provincia e società partecipate: firmato protocollo su trasparenza e coordinamento

[thumb:1207:r]Provincia. E’ stato firmato questa mattina nella Sala Consiliare della Provincia di Savona, il nuovo protocollo d’intesa su trasparenza e coordinamento nel panorama delle società partecipate dell’ente provinciale. Un documento nato dalla necessità operativa di creare un flusso costante di informazioni e lo scambio nell’ambito dei controlli di gestione tra società e Provincia di Savona per attuare un coordinamento che travalichi le sedi tradizionali dell’approvazione del bilancio annuale e disporre così di un quadro costante della situazione complessiva nei campi in cui operano le società; inoltre, il protocollo si pone come obiettivo la massima trasparenza degli avvenimenti societari: amministratori e principali scelte strategiche delle società.
La vice presidente della Provincia Lorena Rambaudi con delega alle società partecipate, ha spiegato nella conferenza tenutasi con i rappresentanti di Acts, Sar, Spes, Ava, Tecnocivis, Gal, Cengio Sviluppo, Ricerca Edicazione Ambientale, Depuratore Ingauno, che esistono oggettive necessità di un maggiore coordinamento complessivo a partire da una condivisione aggiornata delle singole strategie aziendali e proprio per questo motivo si sono posti in essere gli accordi per una scambio dei dati finanziari che permettano una maggiore informazione reciproca.
Anche le crescenti richieste di maggiore trasparenza hanno trovato soddisfazione nell’accordo firmato questa mattina prevedendo per le società firmatarie la massima trasparenza (con pagine apposite anche sul sito istituzionale della Provincia) dedicate alle  modifiche azionarie e ai principali atti che riguardano l’assetto degli amministratori delle società ritenute strategiche dalla Provincia di Savona.
A margine dell’incontro il vice presidente della Provincia, prospettando l’obiettivo di riunificare in un’unica agenzia di promozione territoriale le tre aziende oggi esistenti, Ips, Cengio Sviluppo e Cairo Reindustria, ha commentato che “esistono oggi troppi contenitori che rispondono a domande molto simili: occorre che si aumentino i contenuti e si riducano i contenitori ponendo sul campo società più grandi che sappiano vedere con una prospettiva  extra provinciale”. Ed è proprio su questa strada che si sta indirizzando lo sforzo che la Provincia sta facendo per giungere ad una semplificazione del panorama delle Agenzie operanti sul territorio provinciale.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli