Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 18329 del 03 Dicembre 2007 delle ore 09:49

Finale, buoni i risultati del servizio di trasporto per disabili e anziani

[thumb:3028:r]Finale Ligure. Buoni risultati per il servizio trasporto anziani e disabili nel Distretto Sociosanitario Finalese. Sono centinaia infatti, le prestazioni erogate dal 2005 ad oggi grazie ai mezzi messi a disposizione dalla Comunità Montana Pollupice e dalla Fondazione De Mari Carisa di Savona.
Il Distretto Sociosanitario Finalese collabora con l’Associazione U.S.L.T. di Toirano per i servizi d’accompagnamento e supporto alle persone, in particolare anziani e disabili, sviluppando la cultura della solidarietà e del sociale. Nel 2005 la Comunità Montana del Pollupice, attraverso la donazione della “Fondazione de Mari”, ha affidato ai tre Ambiti Sociali del Distretto tre Fiat Scudo, al fine di prestare servizio per scopi sociosanitari. Questa attività, iniziata dapprima nell’Ambito Loanese, ha preso l’avvio nel Finalese nel settembre 2005.
Dice il presidente del Distretto Gian Mario Massazza: “Recentemente ho richiesto all’USLT dei dati per fare il punto della situazione e verificare le richieste che arrivano dagli utenti. Sono dati importanti che confermano la bontà dell’iniziativa. Gli Ambiti di Loano e Finale, da Settembre 2005 ad agosto 2006, hanno svolto 1.250 servizi e da settembre 2006 ad agosto 2007 1.982 servizi. Sono effettuati trasporti per prestazioni di tipo sanitario (analisi,visite, terapie), di accompagnamento disabili (scuola,lavoro) e di aiuto a favore degli anziani (spesa, commissioni). Inoltre l’U.S.L.T. da anni svolge, tramite un pulmino attrezzato donato dalla Comunità Montana, un servizio di trasporto giornaliero per ragazzi disabili dalle proprie abitazioni ai Centri di riabilitazione di Toirano, Pietra Ligure, Tovo San Giacomo e Borgio Verezzi. Ora questo automezzo, diventato obsoleto e vecchio, rischia di non poter essere più utilizzato. Nell’ultima seduta del Comitato dei Sindaci del Distretto Finalese abbiamo deciso di intervenire al fine di non interrompere un servizio indispensabile per tutte le famiglie coinvolte nella disabilità. Chiederemo alla Regione di poter utilizzare dei fondi Distrettuali e ci attiveremo presso le Fondazioni per un ulteriore supporto. Il riscontro della crescita di richiesta di questi servizi ci incoraggia nel proseguire nelle iniziative intraprese e sarà nostro compito continuare ad informare tutti gli utenti tramite gli Sportelli integrati sociosanitari e gli Sportelli di cittadinanza”.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli