Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 18426 del 05 dicembre 2007 delle ore 11:09

Minoranza contro giunta provinciale: “Basta con le poltroncine, uscire dalle società partecipate”

[thumb:1208:r]Provincia. Ieri, in sede di commissione provinciale Enti Partecipati, sono state presentate diverse proposte di Delibere di Consiglio relative ad alcune società partecipate dalla Provincia che verranno poi discusse e votate nel prossimo consiglio provinciale.
La vice presidente Lorena Rambaudi ha elencato alcuni degli enti partecipati: la SLALA, Sistema Logistico Integrato del Nord-Ovest d’Italia, la Società del Traforo del Ciriega-Mercantur e la Società del Depuratore Ingauno. L’esame delle altre società è stato aggiornato ad altra commissione.
I gruppi di minoranza hanno chiesto di eliminare la partecipazione della Provincia in questi enti, ritenendoli “inutili, dispendiosi e ininfluenti al progresso del territorio”. Di diverso parere è la vice presidente Rambaudi, che si è detta per il mantenimento della detenzione di quote.
“La Rambaudi parla in nome della giunta: infatti la Provincia può in questo modo può distribuire a pioggia poltrone e poltroncine agli ascari dei vari partiti del centro sinistra, per sorreggere una giunta in bilico – hanno commentato gli esponenti d’opposizione Rosavio Bellasio, Livio Bracco e Roberto Nicolick – Questi posti nei cda degli enti partecipati, se da un lato fanno parte del manuale Cancelli, dall’altro lato costano in termini di denaro pubblico, allo scopo unico ed esclusivo di foraggiare persone, spesso poco capaci e scarsamente competenti, con premi di fedeltà alla provincia retta dal centro sinistra. La minoranza ritiene, alla luce dei fatti, di vendere le quote nei cda e uscire da questi enti partecipati e dopo aver espresso voto contrario in commissione, chiederà ulteriormente in consiglio provinciale di uscire da questi enti partecipati e realizzare della liquidità dalla vendita delle quote”.


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli