Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 18410 del 05 Dicembre 2007 delle ore 08:03

Raddoppio ferroviario: il punto dei lavori

[thumb:4704:r]Ponente. Ad oggi, dei 144 chilometri della linea Genova-Ventimiglia, 101 sono a doppio binario (Genova-Finale, Loano-Albenga e San Lorenzo-Ventimiglia). Attualmente è in corso di realizzazione la seconda fase di lavori: il raddoppio del tratto Andora – San Lorenzo. Nell’aprile del 2001 è entrata in esercizio la linea San Lorenzo – Ospedaletti.
Il progetto preliminare per il raddoppio fra Finale Ligure e Andora è stato approvato dal CIPE: si sta completando la progettazione definitiva.
Il progetto per il nuovo tracciato del raddoppio fra Andora e San Lorenzo (circa 19 chilometri, di cui oltre 16 in galleria) prevede anche la realizzazione di sei viadotti, delle nuove stazioni di Imperia e Andora e della fermata di Diano Marina. Saranno scavate 7 gallerie: 4 con la nuova fresa (Collecervo – San Simone, Caighei, Gorleri e Cardellini); 3 con la tecnica tradizionale utilizzando il martellone pneumatico (Castello, Caramagnetta e Poggi-Terrabianca). La più lunga sarà la Gorleri (3.291 metri). Nel territorio del Comune di Imperia saranno costruiti 6 viadotti; il più lungo sarà l’Impero (620 metri).
La linea sarà gestita dal Sistema di Controllo e Comando (SCC), con Posto centrale a Genova Teglia, e attrezzata con il Sistema di
Controllo Marcia Treni (SCMT). L’intervento permetterà velocità fino a 200 km orari (circa il doppio rispetto all’attuale), con significative riduzioni dei tempi di percorrenza: circa mezz’ora, tra Genova e Ventimiglia.
I lavori sono affidati all’Associazione Temporanea d’Imprese(ATI) Ferrovial – Cossi. L’attivazione della linea è prevista per il 2010. L’investimento complessivo è di 505 milioni di euro, di cui 319 per le opere civili.
Ieri è stata traguardata una tappa importante nell’impresa di raddoppio della linea ferroviaria. Infatti nel giorno della festa di Santa Barbara, patrona dei minatori, è stato demolito l’ultimo diaframma della galleria Caighei della ferrovia in costruzione tra Andora e San Lorenzo, che attraversa lo spartiacque tra i torrenti Cervo e San Pietro. Una “talpa meccanica”, lunga 150 metri, ha scavato un tunnel lungo 2.693 metri e di 11,84 metri di diametro, già completo del rivestimento interno. La velocità di avanzamento è stata di circa 15 metri al giorno, quattro volte superiore ai tre metri dello scavo tradizionale. La macchina è stata azionata da 65 tecnici, al lavoro tutti i giorni in turni continuativi di 24 ore. Uscita dalla galleria Caighei, la “talpa” attraverserà la galleria Castello per iniziare la perforazione della galleria Gorleri di sbocco nella Valle Impero.
[image:4704:c:s=1]


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli