Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 18728 del 12 dicembre 2007 delle ore 17:57

Un censimento delle cave in Liguria: la proposta dei Verdi

Liguria. Un censimento ed un monitoraggio delle cave in Liguria per un riordino complessivo delle attività sul territorio è quanto propongono i consiglieri regionali dei Verdi Cristina Morelli e Carlo Vasconi con una proposta di legge depositata oggi all’ufficio di presidenza e destinata alla commissione Attività produttive.
Il pdl è stato presentato stamani in una conferenza stampa. Una commissione di inchiesta istituita nel 1992 dal consiglio regionale aveva portato alla luce l’esistenza di 215 cave in Liguria, e ad oggi risultano funzionanti 86 siti estrattivi autorizzati, cave di ardesia escluse.
“Un censimento – ha osservato Morelli – potrebbe dare un contributo importante su decisioni in merito a nuove aperture, ampliamenti o ripristini ambientali. Su questo tema abbiamo avuto un incontro anche con l’Unione industriali di Savona, che si sono detti d’accordo”.
Secondo quanto evidenziato da Vasconi, il provvedimento prevede inoltre “che l’attività estrattiva ligure sia destinata allo stesso territorio regionale; una fidejussione del titolare dell’autorizzazione a garanzia del ripristino dei luoghi pari a 500mila euro; ed il divieto dell’attività di ricerca e di estrazione nei Parchi, nei siti di interesse comunitario, nelle zone a protezione speciale, ed in siti in cui sia presente materiale potenzialmente pericoloso per la salute umana”.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli