Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 18956 del 18 dicembre 2007 delle ore 12:29

Savona, la Caritas diocesana interviene sull’emergenza casa

[thumb:4820:r]Savona. “Il rischio è che non si affrontino i nodi di sempre: la necessità di moderare il mercato delle locazioni e la volontà di utilizzare per i reali bisogni dei cittadini il patrimonio immobiliare esistente nel territorio. In base ad uno studio commissionato in occasione del Puc, teoricamente, già nel 2000, la zona cittadina del Comune di Savona aveva una capacità insediativa residenziale doppia rispetto al numero di abitanti: in teoria, nel patrimonio immobiliare esistente ci sarebbe posto per un numero doppio di persone”. Mette il dito nella piaga la riflessione prenatalizia, dedicata all’emergenza casa, che la Caritas diocesana e la Fondazione diocesana ComunitàServizi hanno divulgato tramite la loro newsletter.
La lettera si sofferma in particolare sugli aspetti politici dell’emergenza abitativa, non lesinando osservazioni critiche sulle scelte urbanistiche e di social housing attuate da diversi Comuni, sulla condizione umana delle persone senza dimora (“Togliamoci subito dalla testa tutta la finta poesia che si crea dietro alla figura del clochard, quasi fosse una scelta di vita non avere nulla e dormire in strada”), sulle condizioni per elaborare progetti di reinserimento dei senza tetto, sulle difficoltà per gli stranieri di trovare abitazione (“La lamentela sulla preferenza degli stranieri agli italiani in queste realtà è quantomai infondata e qualunquista”) e sull’insoluto problema del nuovo carcere a Savona.


» Felix Lammardo

1 commento a “Savona, la Caritas diocesana interviene sull’emergenza casa”
Bruno Pirastu ha detto..
il 18 dicembre 2007 alle 13:28

Lodevole l’iniziativa e il commento all’esplosione edilizia a Savona. Certo che se la Curia mettesse a disposizione qualche sua proprietà non sarebbe male , tenuto conto che con il calo delle vocazioni e altro è presumibile che ci sia una eccedenza di locali e facilmente utilizzabili. Mi sembra di aver sentito , recentemente , che ci sono Curie che affittano appartamenti a prezzo di mercato , alto , per compensare quelli che poi sono dati , diciamo , a basso costo, se non gratis. Sarebbe possibile avere da parte della Curia l’elenco delle sue proprietà ? Non lo dico con cattiveria, ex-scolopio , ma solo per una informazione che alla fine sarebbe a favore della stessa Curia.

CERCAarticoli