Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 19048 del 20 Dicembre 2007 delle ore 09:51

Ferrania, ricapitalizzazione minima in attesa del nuovo accordo

[thumb:1718:r]Cairo M. Ricapitalizzazione minima per Ferrania decisa dagli azionisti guidati da Vittorio Malacalza: 120 mila euro. Un segnale chiaro da parte dell’azienda, in attesa delle risposte da parte del ministero entro gennaio. Sul tavolo la questione degli sgravi che non possono essere indirizzati ad una sola impresa quando si vogliono creare diverse aziende sulla base dei progetti industriali in discussione. Per il laminatoio, inoltre, affermano i vertici di Ferrania, l’azionista di maggioranza è un gruppo estero che dovrà essere messo in condizioni di operare.
Sul fronte dell’accordo di programma e del relativo piano industriale resta il settore energia limitato ad un’unica centrale a biomasse e la piattaforma tecnologica, che vedrà la Regione Liguria come partner principale. Ma tutto è rimandato a gennaio quando si dovrebbe firmare il nuovo accordo di programma, con la realizzazione del laminatoio, il mantenimento delle lavorazioni tradizionali per un mercato di nicchia, lavorazione del silicio per realizzazione di impianti fotovoltaici, produzione di superconduttori e limitatori di emergenza per impianti high tech e realizzazione schermi LCD.
Altra questione il protocollo d’intesa chiesto dai sindacati sulla proroga al quarto anno di cassa integrazione straordinaria. Ma su questo punto, l’azienda chiama ancora in causa il governo, ribadenbdo l’impossibilità a sostenere da sola un simile provvedimento.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli