Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 19169 del 23 dicembre 2007 delle ore 19:30

Riviera Basket Vado, lontano da casa non si vince

[thumb:2029:r]Vado Ligure. Continua il “mal di trasferta” della Tirreno Power, sconfitta in maniera onorevole a Castelletto Ticino. Considerato il valore dei locali, la battuta d’arresto era preventivabile e non peggiora la situazione in chiave salvezza dato che sul parquet del Lago Maggiore ben pochi riusciranno a vincere.
Nella sfida con il Riviera, i padroni di casa della Nobili Castelletto hanno puntato molto sulle conclusioni dalla distanza, anche con buone percentuali. In particolare hanno brillato Masieri (6 su 9) e Cissè (3 su 5).
Il Riviera è invece sceso in campo con Guerci ancora in condizioni fisiche non perfette e con Bernardi bloccato in panchina per i postumi del trauma di domenica scorsa (quando cadde violentemente di schiena). Inoltre non ha partecipato alla trasferta Benedusi, fermato a letto dall’influenza.
Prima dell’inizio della partita Stefano Leva è stato premiato dalla società locale, nella quale ha militato a lungo, contribuendo alla sua promozione in A2. Il quintetto iniziale del Vado è Trionfo, Bocchini, Leva, Guerci e Nobile. I biancorossi parono bene e vanno sull’1 – 4, Masieri e Nobile vanno a segno da 3 e il punteggio va sul 4 a 7. Il centro Conti (208 cm, classe 1969) porta i suoi al primo vantaggio: 8 – 7. Da quel momento il Vado non metterà più la testa avanti. Entra Bertinelli per Trionfo, poco dopo spazio per Matalone. Ma i locali dimostrano di avere qualcosa in più, soprattutto in fase conclusiva: vanno a canestro con grande facilità mentre la Tirreno Power non trova soluzioni e spesso conclude in modo forzato. Sul 18 – 7 Crotti chiama il primo time-out. Nell’ultimo minuto del 1° quarto Leva prova a dare uno scossone ai suoi: va a canestro da 2, mette 2 liberi e va ancora a segno: il parziale di 0 – 6 è tutto opera sua.
L’avvio del 2° quarto vede il Lago Maggiore balzare a + 10, Guerci risponde con una tripla ma l’argentino Masieri ristabilisce le distanze. Il margine tra le due formazioni resta sui 10 / 12 punti, a colpi di tiri da 3. Crotti prova la carta Moreno, Matalone e il neoentrato vanno a canestro nel giro di un minuto, riducendo lo svantaggio a 8 punti. Moreno penetra tra le maglie dei novaresi e va ancora a segno, Matalone prende un rimbalzo, ma il Vado perde palla in attacco e scivola di nuovo a – 8. Un gioco da 3 di Nobile, canestro più tiro libero, porta il Vado sul 36 – 31. Matalone non riesce ad entrare in partita, commette infrazione di passi e vede sfumare l’occasione di riavvicinare ulteriormente i rivali. Sul finire del tempo c’è un intenso botta e risposta che termina con il canestro di Mariani per il + 7 di Castelletto Ticino.
Così come nel 2° tempo, nel 3° il ritmo si mantiene alto con buone percentuali al tiro e tanti tentativi dalla distanza. Il punteggio segna 51 – 44 quando Cissè infila una tripla; gli risponde Nobile, poi lo stesso Cissé realizza 2 liberi. Ci pensa Bocchini ad infilare la tripla che tiene in corsa Vado, sul – 7. Ma poco dopo è Mariani a trovare i 3 punti che portano i suoi sull’ennesimo + 10. Due liberi di Masieri, un canestro da 2 più un libero di Leva portano il tabellone a segnare 61 – 52. Sul finire del tempo Trionfo torna in panchina perché gravato di 4 falli, stessa sorte per Mariani. Masieri e Bocchini fanno 2/2 ai liberi ed il 3° quarto termina con la tripla di Cissè sulla sirena: 66 – 54.
Leva e Nobile tengono vive le speranze dei biancorossi, ma lo svantaggio non si riduce ed il passare del tempo avvicina inesorabilmente il momento della sconfitta. A 6′ 30″ dalla fine i punti di svantaggio sono 9 e Guerci commette un’infrazione di passi che costa cara; dopo il canestro che porta i locali a quota 71 Crotti chiama il time-out. Matalone va subito a segno e poco dopo conquista un rimbalzo che però non porta ad un’azione vincente. Parente da 3 sigla il nuovo + 12, Masieri realizza un libero ed il finale scorre velocemente visto il punteggio ormai ben definito. Sul finire della gara un libero di Parente ed un canestro di Masieri portano Castelleto sul + 16. Nobile realizza un tiro libero e con una tripla di Parente sigla il massimo vantaggio: + 18. Tre punti di Nobile chiudono l’incontro sull’81 – 66.
Il tabellino:
Nobili Lago Maggiore – Tirreno Power Riviera 81 – 66
(Parziali: 18 – 13, 43 – 36, 66 – 54)
Nobili Lago Maggiore: Rossetti 6, Cissè 11, Masieri 25, Conti 20, Parente 12, Mariani 5, Bianchi 2, Loro, Blardone, Ganeto ne. Allenatore: Cesare Ciocca.
Tirreno Power Riviera: Trionfo 4, Bocchini 11, Leva 16, Bertinelli, Ficetti ne, Guerci 4, Nobile 16, Matalone 6, Moreno 9, Bernardi ne. Allenatore: Alessandro Crotti.
Arbitri: Emiliano Binda (Ancona) e Matteo Boninsegna (Paderno Dugnano).
Il commento del presidente Drocchi: “Un Riviera in versione da trasferta. Purtroppo quello che ora diamo in campo non basta per vincere su campi di squadre candidate ai playoff. Dopo la pausa natalizia, però, il vento potrebbe cambiare, in quanto inizieremo a ricevere in casa le squadre di alta classifica e ad andare a giocare sui campi delle nostre dirette concorrenti”. Come dire: in casa i vadesi hanno vinto gli scontri diretti, in trasferta hanno affrontato partite oggettivamente difficili. Ora il Riviera avrà la possibilità di recuperare punti in trasferta contro avversarie di medio-bassa classifica e di ospitare nella propria tana le formazioni più attrezzate, contando però sul vantaggio del fattore campo.
Per il resto dell’11° turno i riflettori erano puntati su Casalpusterlengo, dove si affrontavano le due prime in classifica. In un palasport stracolmo di entusiasmo hanno prevalso i padroni di casa che restano così solitari al comando. Lumezzane batte Treviglio e l’agguanta al 4° posto, così come Fidenza, vittoriosa a Modena. Nelle retrovie fa punti solamente Asti, che ha la meglio su Riva del Garda.
Nell’11° giornata ha prevalso il fattore campo, infatti solamente Fidenza è riuscita a vincere in trasferta:
Umana Venezia Mestre – Miroradici Finance Vigevano 77 – 72
Sati Trading Modena – Santini Fulgor Fidenza 93 – 96
Nobili Lago Maggiore – Tirreno Power Vado Ligure 81 – 66
Paffoni Fulgor Omegna – Pentagruppo Ozzano 86 – 77
Assigeco Casalpusterlengo – Vemsistemi Libertas Forlì 81 – 63
Sil Lumezzane – Intertrasport Treviglio 82 – 78
Tubosider Asti – Garda Cartiere Riva del Garda 84 – 75
La classifica a 2 turni dal termine del girone di andata:
1° Assigeco Casalpusterlengo 18
2° Nobili Lago Maggiore 16
2° Vemsistemi Libertas Forlì 16
4° Intertrasport Treviglio 14
4° Sil Lumezzane 14
4° Santini Fulgor Fidenza 14
7° Paffoni Fulgor Omegna 12
7° Umana Venezia Mestre 12
9° Miroradici Finance Vigevano 10
10° Pentagruppo Ozzano 8
10° Tirreno Power Vado Ligure 8
12° Tubosider Asti 6
13° Sati Trading Modena 4
14° Garda Cartiere Riva del Garda 2


» Christian Galfrè

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli