Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 19299 del 28 dicembre 2007 delle ore 15:51

Regione, piano infomobilità: progetto antiblocco per i tir

[thumb:4597:r]Regione. La giunta della Regione Liguria, su proposta dell’assessore ai Trasporti Luigi Merlo, ha approvato il piano di infomobilità territoriale per il triennio 2007-2009. Il piano, attraverso l’applicazione dei sistemi intelligenti di trasporto ITS, punta a gestire le reti di trasporto di persone e merci, a migliorare l’efficienza delle infrastrutture e le condizioni della circolazione e ad aumentare la sicurezza stradale. Automobilisti e conducenti di mezzi pesanti potranno ricevere notizie attraverso pannelli, computer, palmari e telefonini.
Le macrofamiglie dei servizi di infomobilità previsti dalla Finanziaria 2007 che stanzia i fondi riguardano  la gestione di trasporto passeggeri, merci e flotte, i servizi per il monitoraggio del traffico (flussi per la sicurezza ma anche gestione accessi Ztl, gestione parcheggi, gestione dati statistici incidentalità), servizi di pagamento per la mobilità (auto-ferro tramviari, tariffe dei pagamenti, pagamenti di servizi sosta, taxi, musei, etc), servizi per il controllo avanzato dell’autoveicolo (con tecnologie “on board”, televigilanza, sistema di navigazione intelligente) ed infine i servizi per la comunicazione delle informazioni. La Finanziaria 2007  stanzia per il sostegno all’innovazione negli enti locali 15 milioni di euro. A questi se ne aggiungeranno altri messi a disposizioni da Regioni ed enti locali che dovranno co-finanziare i progetti per almeno il 50 per cento del loro costo.
Sulla base di queste categorie Regione Liguria ed enti locali hanno messo a punto progetti specifici capaci di affrontare e risolvere problemi significativi riguardanti la mobilità di persone e merci.
Nel campo del trasporto pubblico locale i progetti liguri riguardano l’orario integrato gomma-ferriovia,  la bigliettazione elettronica, il progetto del Sistema AVM e delle Paline Intelligenti, il controllo dei trasporto delle merci pericolose, la sicurezza stradale, l’educazione stradale, la sicurezza del trasporto pubblico non di linea, il sistema di road pricing per gli accessi, attraverso porte telematiche, dei centri urbani, la gestione del trasporto merci, del trasporto pubblico e del monitoraggio del traffico autostradale.
In particolare, l’assessore Merlo ha sottolineato come sia urgente il sistema di infomobilità e informazione che la Liguria sta mettendo a punto con il Piemonte rivolta ai mezzi pesanti, per evitare l’intasamento ai valichi portuali a causa del forte vento e di altre  avversità atmosferiche.
Il progetto prevede anche la realizzazione di aree di sosta degli automezzi in caso di allerte meteo, contro i blocchi autostradali e un sistema di controllo intermodale per il trasporto di merci pericolose.
Un progetto della Regione Liguria riguarda la creazione di una rete informativa sui porti turistici.


» Redazione

1 commento a “Regione, piano infomobilità: progetto antiblocco per i tir”
Bruno Pirastu ha detto..
il 28 dicembre 2007 alle 16:25

Con 15 + 15 milioni di euro riescono a fare tutte queste cose ? … Bravi !!!! Nel progetto MAERSK a Vado sono , dubito , previste le aree di sosta dei 750 TIR fermi per Santa Tramontana ? se non l’hanno pensato sarebbe meglio farlo adesso. Porte telematiche per accesso ai Centri Urbani !! EKOPASS ?? Comunque i TIR non vengono solo dal Piemonte ma anche dalla Francia e dalla Toscana ! Certo è che tutto è collegato con la Banda Larga a tutto il territorio.

CERCAarticoli